top of page

LA CHIAMEREMO AviaROMA

Nasce una nuova compagnia aerea italiana. Le anticipazioni, i progetti, il board di un nuovo modo di volare.

L’intervista al Press team.

flEEt AVIAROMA (4).jpg

Sta per decollare l’avventura più affascinante ed entusiasmante tra le imprese commerciali, quella della nascita di una nuova compagnia aerea che farà il suo debutto ufficiale il 14 febbraio prossimo, una data certo non casuale. Non sono molte le notizie che trapelano, quello che sappiamo è che si chiamerà AviaRoma ed avrà nella coda degli aerei la scritta "SPQR" all’interno di una corona dorata, per sottolineare il Dna che la lega con la capitale e le sue antiche e gloriose origini. Il vero e proprio Deus ex machina dell’intero progetto è il dottor Flavio Robert Paltrinieri, imprenditore visionario e dinamico, con il pallino per i risanamenti aziendali, Ceo director, fra le altre aziende, di Amonra Omnia Inc. e Leone Capital Llc e che aveva tentato, senza successo, il salvataggio della compagnia di bandiera nazionale Alitalia. L’impegno, la dedizione e l’amore che aveva messo in tale avventura non poteva certo andare disperso e così che nasce l’idea suggestiva di mettere le ali, in proprio, ed iniziare questo percorso con AviaRoma che, come dice lo slogan coniato dagli organizzatori, rappresenta “a new way to fly”, un nuovo modo di volare. 
La livrea ufficiale, scelta per gli apparecchi, sarà affidata a Brando Maria Baratti, pilota, istruttore e disegnatore di loghi e marchi nel settore Aviation, già autore di quella per Aeroitalia.
Per saperne di più abbiamo interpellato il Press team della nuova compagnia aerea e ne è nata questa intervista che proponiamo ai nostri lettori.


Nel mese di febbraio è previsto il decollo della nuova compagnia italiana AviaRoma. Quale è il motivo che vi ha spinto a compiere tale scelta?
“La scelta di intraprendere il percorso per la fondazione di AviAROMA discende dal lungo e dettagliato progetto che è stato presentato più volte (2006, 2011,2016 e 2021) per il salvataggio di Alitalia. Il team che se ne è occupato ha via via acquisito una professionalità sul settore e mutuato questa professionalità con la voglia di fare qualcosa di veramente nuovo. Infatti il progetto globale messo a punto, è rivoluzionario rispetto agli standard classici, sia delle compagnie low cost che compagnie Legacy. Con la fine del sogno di affrontare Alitalia, ci siamo detti che tutto il lavoro svolto aveva comunque un grande valore. Durante il 2022 abbiamo quindi estrapolato il modello di business per adattarlo ad una compagnia nuova. Come annunciato nel sito web in Febbraio presenteremo il modello e annunceremo date e caratteristiche delle prime operazioni. La compagnia nasce digitale, per essere molto chiari sarà divisa in due tronconi”.

Come è composto il board dei soci?
“Come detto precedentemente, la compagnia sarà organizzata in due tronconi. La parte commerciale, vero cuore del fatturato, che è Italiana, mentre la ACMI cioè la società dotata di AOC e con gli aerei ed il personale assunto per le sole operazioni di volo, sarà Europea, cioè di uno stato membro, sempre dello stesso proprietario. In merito a questo è utile sapere che Leone Capital LLC sarà l'unico azionista, ma all'Interno della società americana è costituito un comparto aviation con diversi soci, Tecnici e di Capitale. Tutt'ora protetti da NDA per cui non divulgabili. Quello che possiamo dire è che l'investimento per ora è pocket Money, non linee di credito. Il Board sarà snello nel primo anno formato da 5 persone. Sono stati fatti diversi nomi ed indiscrezioni possiamo certamente dire che Paltrinieri ci sarà, essendo il padrino del progetto, ci sarà un ex comandante dell'Aeronautica Militare, e tre illustri membri d'ordine con vasta esperienza in corporate projects. I Board saranno due e saranno omogenei ma ci saranno solo due figure in comune”.

Parliamo di rotte ed aerei
“Le prime rotte sono fra aeroporti minori e Roma, il bacino del mediterraneo, mentre il primo di lungo raggio sarà verso l'America Latina, poi USA, destinazioni diverse dalle maggiori, poi Africa del Sud Parlando della flotta possiamo dire di aver ricevuto critiche e opinioni differenti da ogni dove. Le apprezziamo tutte ma dopo la presentazione del modello, risulterà chiaro che l'aereo è un veicolo e l'unico ruolo che ha è che deve avere è portare persone dal punto A e punto B, mantenendole sempre connesse alla rete. Per cui abbiamo puntato sul nuovo Cessna Sky Courier per il micro raggio, per esempio Padova-Roma, Aosta-Roma ecc (sono esempi per dare idea del tipo di aeroporto del micro raggio) ma nel caso il numero di aerei richiesti non fosse soddisfatto dal produttore possiamo anche per un certo periodo utilizzare aerei di uguale configurazione. Per il corto raggio ATR e probabilmente CRJ 900 e 1000. Per il medio e medio esteso Airbus A320 e Neo family, per il lungo partiremo con A340”. 

Parliamo di costo dei biglietti
“Il prezzo sarà iper-competitivo ma essenzialmente calibrato dal nostro passeggero, possiamo dire che il prezzo sarà "diversamente dinamico". Poi il resto sarà da scoprire durante la presentazione ufficiale. 
Ultima importante notizia, la compagnia non venderà i biglietti nelle piattaforme conosciute (Skyscanner, E Dreams ecc) ma solo sulla propria app che, in ossequio a Roma, si chiamerà AVE app.”.

Anche il modo di proporre il cibo a bordo rappresenta una novità per l’attenzione e l’originalità dell’offerta e sappiamo quanto sia importante per il cliente tale settore, sia in termini di piacevole tempo da trascorrere in volo che di essere “coccolato”. La Gastronomia on board, si legge nel sito della compagnia che la compagnia adotterà sarà incentrata sulle eccellenze italiane, sui prodotti freschi, sui nuovi modi di cucinare in aereo.
Avrà anche una vocazione per la cucina circolare, dove la materia prima è protagonista ed è rispettata al 100%. Sarà la prima compagnia aerea cruelty free e servirà esclusivamente carne coltivata, senza uccidere l’animale. Un motivo in più per provare il servizio.
Non resta che aspettare il debutto ufficiale ed utilizzando la filosofia adottata dal patron di Leone Capital Llc, Paltrinieri, ben scolpita, in inglese, sulle pagine del sito del gruppo: “tutto il nostro lavoro è fatto con grande attenzione per i dettagli, dall’idea al successo finale”, c’è da credere che le compagnie aeree avranno un concorrente molto agguerrito ed innovativo con cui competere e questo sarà un bene per i viaggiatori.

bottom of page