RECESSIONE? L'INDUSTRIA DEI SUPER YACHT E' IN PIENA CRESCITA

Tutti i numeri di un grande successo. Parlano gli esperti. Il mercato vola, ecco perché.

I miliardari russi potrebbero essere scomparsi e far aumentare i timori di una recessione globale, ma a guardare il fiorente settore dei super yacht non si direbbe proprio.

Ma, prima di tutto.

Il Monaco Yacht Show che si è da poco concluso ha  registrato in esposizione un record di 117 barche, con nomi scelti per le imbarcazioni  come "Miss Candy" e "110' Dolcevita". Lo spettacolo andato in scena a Montecarlo sembrava un mondo lontano anni luce dalla guerra in Ucraina e dalla crisi energetica che paralizza l'Europa.

I dirigenti del settore hanno parlato di una domanda insaziabile che si è intensificata durante la pandemia quando i ricchi hanno deciso che possedere una propria barca era un modo ideale per sfuggire a blocchi e infezioni. Anche con l'attenuarsi dei timori per la pandemia, la domanda è rimasta forte. A soli nove mesi dall'inizio del 2022, le entrate di Burgess, uno dei principali broker di super yacht, sono aumentate del 20% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, avviandosi verso un altro anno di record.

“I nostri clienti sono tutti molto ricchi; si sono sempre sentiti a prova di proiettile, impenetrabili e potenti", ha detto l'amministratore delegato di Burgess Jonathan Beckett in un'intervista a Bloomberg, a margine della manifestazione. "Penso che l'unica cosa che la pandemia abbia fatto sia stata farli sentire vulnerabili per la prima volta nella loro vita. Pensano, 'la vita è in realtà fragile. Non sono immortale e posso permettermi di andare a fare qualcosa che mi piaccia. Perché allora non farlo adesso?’”

31 ed. monaco.jpg
monaco yacht show 2022.jpg

La massiccia domanda ha reso il 2021 un anno record per le vendite globali di super yacht. Anche se è improbabile che quest'anno sia eguagliato, le vendite sono ancora del 68% superiori alla media di 13 anni, secondo l'intermediazione di Fraser Yachts. L'anno scorso, 1.001 super yacht di 24 metri o più, comprese le nuove costruzioni, sono stati venduti per 9,4 miliardi di euro, secondo Kevin Bodington, fondatore e CEO di YachtBuyer.com. Le vendite finora quest'anno si attestano a 567 per un ricavato di 4,2 miliardi di euro.

"Il mercato sta rallentando non tanto per la mancanza di domanda, ma piuttosto per la mancanza di offerta", ha affermato. “i cantieri hanno commesse in ordine che non riescono a soddisfare se non in tempi lunghi”.

 

Gli americani stanno guidando la domanda, più che compensando l'assenza dei ricchi russi. Al 31 agosto, i proprietari degli Stati Uniti rappresentavano la quota maggiore sia della flotta esistente che delle nuove costruzioni, secondo Superyacht Times. Gli armatori statunitensi costituiscono il 23% della flotta globale di super-barche di oltre 40 metri, seguiti dai russi a circa il 9%. Altri importanti acquirenti provengono da Grecia, Regno Unito, Turchia ed anche dal nostro paese.

Sorseggiando una birra seduto accanto a "Phoenix 2", uno yacht di 90 metri costruito nel 2010 che era in vendita per 129 milioni di euro, Beckett ha detto che la sua azienda ha venduto circa 10 super yacht di oltre 70 metri quest'anno.

"È come fare surf su un'onda e l'onda continua a muoversi", ha dichiarato.

Fraser afferma che le cosiddette offerte "entry level" - yacht che misurano tra i 24 ei 30 metri - rappresentano quasi la metà di tutte le vendite di barche usate. La lunghezza media di tali super yacht venduti era di 34 metri e l'ultimo prezzo medio richiesto era di 7,2 milioni di euro.

Un pezzo importante del settore sono anche gli affitti. Sebbene una parte significativa della flotta totale mondiale di super yacht di oltre 24 metri sia resa disponibile per il noleggio, anche questo non è stato sufficiente per soddisfare la domanda a luglio ed agosto di quest'anno, poiché i vacanzieri post-pandemia sono tornati con il botto.

"Il vero problema è trovare barche per queste persone", ha affermato Mark Duncan di Fraser Yachts, parlando alla stampa la scorsa settimana dal bar della piscina dell'esclusivo Yacht Club di Monaco.

Secondo Fraser, il 30% dei clienti si avvicina alla nautica da diporto per la prima volta e molti di questi nuovi arrivati ​​alla fine vorranno possedere la propria barca.

Insomma niente sembra fermare questa onda spinta proprio, come uno dei tanti paradossi della vita, da eventi negativi come pandemia, guerre e recessione che, al contrario avrebbero dovuto farla rallentare. Finché dura…