L'Intervista 

SOSSIO ARUTA è nato a Castellammare di Stabia il 19 dicembre 1970. Ha iniziato a giocare a calcio sin da piccolo, riuscendo a militare, durante la sua carriera professionistica, anche in Serie B. Soprannominato “Re Leone” ha segnato una valanga di reti. Il suo debutto e successo televisivo avviene ad “Uomini e Donne” dove, nel ruolo di tronista, incontra la sua attuale compagna Ursula, dalla quale ha avuto una bambina.

Ha partecipato anche ad altre trasmissioni televisive di successo quali “Temptation Island” ed al “Grande Fratello Vip”, dove si è classificato terzo, riuscendo, per il suo temperamento e quel fascino da latin lover che incarna, ad accendere su di se i riflettori della scena. Su di lui è stata pubblicata anche una biografia, dal titolo “Yo soy un pajaro.” 

Recentemente ha intrapreso la carriera di attore, recitando in due pellicole dirette dal registra Ingrà, di cui una ancora in produzione. 

Definire con una sola parola chi sia Sossio non è compito semplice. Sicuramente è un grande istrione, un uomo che, passo dopo passo, si è fatto da solo, costruendosi il ruolo di personaggio pubblico. Sossio è Sossio ed il contrario di Sossio. 

Ci ha concesso questa intervista che proponiamo ai nostri lettori.

36650905_916058978585755_4916768519103709184_n.jpg

INTERVISTA ESCLUSIVA A SOSSIO ARUTA

       

        UNA VITA SEMPRE IN ATTACCO

L’ex calciatore, tronista e personaggio pubblico ci parla della sua nuova veste di attore, dei format tv e dei suoi progetti futuri

Dopo “Uno strano week end al mare” adesso le riprese di “Sbagliando s’impara”, dello stesso regista, Alessandro Ingrà. Come si trova nei panni di attore e come è nata questa passione?

“L’esperienza come attore sta procedendo alla grande e per questo devo ringraziare Alessandro (Ingrà) per avermi scelto come attore, dapprima per il film “Uno strano weekend al mare”e poi, sicuramente rimasto stupito dal mio recitar bene, mi ha voluto fortemente anche per la seconda pellicola, in corso di produzione, “Sbagliando s’impara.” Sinceramente questa passione è nata per caso, grazie appunto ad Alessandro che mi ha scoperto. non sapevo di avere anche questa dote e di esserne all' altezza. Ricevere i complimenti da un regista come Alex mi rende davvero entusiasta ed orgoglioso.”

Lei ha partecipato a vari format televisivi, da “Uomini e Donne”, dove ha trovato Ursula, la sua attuale compagna, a “Temptation Island” ed anche al “Grande Fratello Vip”, classificatosi terzo. Quale è il suo giudizio su questi tipi di programmi e se ha qualche ricordo inedito che vuole condividere?

“Ho un ottimo ricordo di tutti i reality ai quali ho partecipato. Posso confermare che è tutto vero quello che viene trasmesso, non c’è niente di costruito o programmato dagli autori. A volte ci può essere il comportamento di alcuni partecipanti che decidono di loro volontà di recitare un ruolo ma questo errore che commettono viene sempre puntualmente smascherato.

Il ricordo più bello che conservo tra i vari programmi è sicuramente quello legato alla trasmissione di “Uomini e donne” della De Filippi,  quando ho comunicato alla redazione che la mia compagna (Ursula) era in dolce attesa.”

 

Lei ha da poco smesso di giocare a calcio e nei panni di attaccante ha segnato più di 300 reti. Quale è il suo ricordo più bello e la rete che le è rimasta più impressa.

“Nella mia carriera calcistica ho realizzato 380 goal … il ricordo più bello è stato quando ho debuttato in serie B con il Pescara nell’incontro contro il Cagliari. Ricordo bene anche la mia rete in serie B, nella gara tra Pescara e Padova, contro quel Massimiliano Allegri, allora giocatore del Padova, che oggi allena la Juventus.” 

 

Quale è il suo rapporto con i social e che utilizzo ne fa?

“Il mio rapporto con i social è decisamente più che reale, aggiungerei fin troppo… non c’è niente di costruito in quello che racconto, documento solo la mia vera vita privata, senza maschere o finto perbenismo. Sono così come mi vedete.”

A proposito di social, recentemente aveva lanciato un appello per trovare lavoro in un settore a lei tanto caro come il mondo del calcio, appello recepito positivamente dalla Virtus Taranto calcio, di cui sarà allenatore delle giovanili. Ci dica qualcosa di più a tale proposito

“Il mio sogno nel cassetto è quello di poter allenare un giorno una squadra di categoria che magari militi nella serie D o anche nell’Eccellenza. Purtroppo, ad oggi, non è si ancora manifestata questa opportunità ed al momento alleno i ragazzi della scuola calcio.”

Come sta procedendo la convivenza con la sua compagna Ursula? Avete in programma un matrimonio?

“A questa domanda devo purtroppo trincerarmi dietro ad un no comment..”

Allora cambiamo domanda…un bilancio di Sossio a 51 anni di età, che cosa rifarebbe e che cosa non rifarebbe e, soprattutto,  che progetti ha per il futuro?

“Se devo fare un bilancio dei miei primi cinquantuno anni posso confessare di essere soddisfatto. Ho vissuto una vita al top, pur attraversando anche momenti difficili ma che ho sempre brillantemente superato.  

Per il futuro mi interessa sola la salute...basta progetti, quello che verrà…lo vivrò….per il momento vivo un giorno alla volta…arriva un tempo che ti trovi grande, si cresce e capisci tante cose…e cambi idee su alcuni aspetti e priorità della vita.”

Ha mai pensato ad un suo impegno in politica?

“Assolutamente no in quanto non credo nella politica e ritengo che siano tutti uguali…”
 

 

303884734_1193804374734330_6812926383434275787_n.jpg

LEGGI LE ALTRE INTERVISTE

IL METAVERSO TRA PRESENTE E FUTURO
Intervista a Massimo Canducci.

Clicca

Valdo Spini: “Il Pd dovrebbe convocare una  grande costituente dei  democratici  e dei socialisti che  proponga una sintesi tra riformismo nelle istituzioni e presa di coscienza della società civile.”Clicca

Vannino Chiti: "Sono d'accordo con  Spini sulla Costituente di sinistra ma, sull'argomento, nel Pd vedo ancora tanta nebbia" e su Di Maio dice: "legittimo cambiare posizione ma doveroso dimettersi." 
Clicca 

Riccardo Nencini: “La costituente della sinistra riformista italiana proposta da Valdo Spini? Perché no, magari a settembre." Clicca

Francesco Fimmanò: "Il futuro dell'Università (e del calcio) è on demand." Clicca

Giuliano Panicucci: "Il mercato assicurativo è in crescita." Clicca