top of page

Il Metaversalista

Il Metaverso è un mondo parallelo in rapida evoluzione, destinato a sconvolgere in breve tempo, il concetto che abbiamo oggi di industria e percezione della realtà. Esso include VR, realtà virtuale, AR, realtà aumentata, IA, intelligenza artificiale e Web 3.0. Conoscere in anticipo queste tendenze rappresenta una opportunità di crescita in termini di vantaggio competitivo e permette di capire il futuro che ci attende.
Non smetteremo mai di ripetere che il solo limite, come sempre, è dato dalla nostra immaginazione.

bitcoin.jpg

ARRIVA L’HALVING DI BITCOIN 2024
Tutto quello che c’è da sapere sulla rivoluzionaria moneta digitale e sull’atteso appuntamento quadriennale.

ASCOLTA L'ARTICOLO

 

 

Ci sono gli anni bisestili e poi, ogni quattro anni, c’è l’halving di Bitcoin, un momento sempre più importante per il panorama finanziario globale.

Ma, conviene andare con ordine, per cercare di capire tutte le sfaccettature nascoste nei meandri dell’affasciante ambiente delle criptovalute.

Bitcoin ha rivoluzionato il mondo finanziario dal suo debutto nel 2009, offrendo una nuova prospettiva sulle regole monetarie e sulla tecnologia. 

La nascita della moneta digitale è avvolta nel mistero e la storia degna di essere raccontata. Essa potrebbe iniziare così: “…c’era una volta, nel mondo digitale di Internet, un enigma avvolto nel mistero. Si chiamava Satoshi Nakamoto, un nome pseudonimo, dietro al quale si celava l'identità di una persona o di un gruppo di persone sconosciute. Fu proprio da questa mente misteriosa che nacque uno dei fenomeni più rivoluzionari del nostro tempo: Bitcoin.

Era l'anno 2008, un periodo di crisi finanziaria globale, quando Satoshi pubblicò il famoso white paper su una mailing list dedicata alla crittografia. Il documento presentava un concetto rivoluzionario: un sistema di denaro digitale decentralizzato, basato su una tecnologia chiamata blockchain. Satoshi aveva trovato una soluzione elegante per un problema che affliggeva da tempo il mondo finanziario: la fiducia.

Le prime monete di Bitcoin furono estratte da Satoshi stesso, il cui contributo iniziale alla rete rimane un mistero fino ad oggi. Pian piano, però, altri si unirono al movimento, divenendo i primi miner di Bitcoin. La comunità crebbe rapidamente, alimentata dalla promessa di una moneta libera dal controllo di banche e governi…”

Bitcoin è quindi una moneta digitale basata su una tecnologia chiamata blockchain, che è essenzialmente un registro pubblico e immutabile di tutte le transazioni di Bitcoin. Al contrario delle valute tradizionali, Bitcoin non è controllato da una banca centrale o da un governo. È decentralizzato e gestito da una rete peer-to-peer, nodi di computer che eseguono software Bitcoin.

Le transazioni di Bitcoin avvengono quando i partecipanti alla rete confermano e registrano le transazioni sulla blockchain. Questo avviene attraverso un processo chiamato mining, in cui i computer dedicati risolvono complessi problemi matematici per confermare e proteggere le transazioni. In cambio di questo lavoro, i miner, i minatori, sono ricompensati con nuovi Bitcoin e commissioni di transazione.

I minatori di Bitcoin sono individui o gruppi di persone che utilizzano potenti computer.. Il loro obiettivo è, come abbiamo detto, confermare e registrare le transazioni sulla blockchain di Bitcoin, il registro pubblico delle transazioni. In cambio del loro lavoro, i minatori sono ricompensati con nuovi Bitcoin e commissioni di transazione.

 

Il processo di mining inizia quando un utente invia una transazione di Bitcoin. Questa transazione viene quindi inclusa in un blocco, una raccolta di transazioni che deve essere confermata e aggiunta alla blockchain. I minatori competono tra loro per risolvere un complesso problema crittografico, chiamato "proof of work", il che richiede molta potenza di calcolo. Il primo minatore a risolvere il problema ha il diritto di aggiungere il blocco alla blockchain e viene ricompensato con nuovi Bitcoin e commissioni di transazione.

La blockchain di Bitcoin viene mantenuta da migliaia di computer distribuiti in tutto il mondo, rendendola sicura e resistente a manipolazioni o attacchi. Ogni blocco contiene un riferimento al blocco precedente, creando una catena di blocchi che rende estremamente difficile alterare le transazioni passate.

Le blockchain sono il cuore pulsante di Bitcoin e di molte altre criptovalute. Le blockchain offrono trasparenza e sicurezza, consentendo a chiunque di verificare e controllare le transazioni senza la necessità di una terza parte di fiducia, come una banca. Questa tecnologia ha il potenziale per essere utilizzata in molti settori diversi oltre alle criptovalute, come la gestione delle forniture, l'identità digitale e molto altro ancora.

Ma eccoci giunti  a parlare del vicinissimo e tanto atteso appuntamento, previsto per il 20 aprile, con l’halving di Bitcoin.

Si tratta di un processo automatico e predefinito all'interno del protocollo Bitcoin che avviene approssimativamente ogni quattro anni. Durante questo evento, la ricompensa per il mining di nuovi blocchi di Bitcoin viene dimezzata. In altre parole, i miner ricevono la metà del numero di Bitcoin per ogni blocco minerato rispetto al periodo precedente all'halving.

La ragione principale dell'halving di Bitcoin è la sua struttura di fornitura limitata. Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin, ha stabilito un limite massimo di 21 milioni di Bitcoin che possono essere estratti. L'halving è stato progettato come meccanismo per controllare gradualmente l'emissione di nuovi Bitcoin e per garantire che la fornitura di Bitcoin si avvicini sempre più al suo limite massimo nel corso del tempo.

L'halving di Bitcoin ha diverse implicazioni sia per i miner che per il mercato nel suo complesso.

Per i Miner: Dopo l'halving, i miner ricevono la metà dei Bitcoin per ogni blocco minerato. Questo può influenzare la redditività del mining, poiché i miner devono fare i conti con una diminuzione delle entrate. Tuttavia, molti miner più efficienti possono continuare a operare con successo, mentre quelli meno efficienti potrebbero ritirarsi o aggiornare le loro attrezzature per rimanere competitivi.

 

Storicamente, l'halving di Bitcoin ha avuto un impatto significativo sul prezzo di Bitcoin. Molti investitori ritengono che l'halving possa portare a una diminuzione dell'offerta di Bitcoin sul mercato, il che potrebbe innalzare il prezzo a lungo termine. Tuttavia, il prezzo di Bitcoin è influenzato da una varietà di fattori e l'halving da solo potrebbe non garantire un aumento del prezzo.

L'halving di Bitcoin spesso attira l'attenzione dei media e degli investitori, portando a una maggiore consapevolezza e interesse per Bitcoin. Questo può contribuire all'adozione e all'accettazione più ampia di Bitcoin come forma di investimento e mezzo di scambio.

Come abbiamo detto il Bitcoin è limitato in quantità: ci sono solo 21 milioni di Bitcoin che possono essere estratti, rendendolo un bene deflazionistico. In questo momento ne esistono circa 19 milioni e si pensa che l’estrazione avrà termine nel 2140, al raggiungimento del 21esimo milione di Bitcoin estratto dai miner. Questa limitata offerta è progettata per proteggere il valore della valuta nel tempo.

Il futuro di Bitcoin è soggetto a dibattiti accesi. Alcuni vedono Bitcoin come il futuro del denaro, una valuta globale che sfida il dominio delle valute nazionali. Altri lo considerano un'opzione speculativa rischiosa a causa della sua volatilità e della sua natura sconosciuta.

Tuttavia, molti osservatori ritengono che Bitcoin abbia il potenziale per diventare sempre più accettato come forma di pagamento e riserva di valore. A mano a mano che più aziende e istituzioni finanziarie adottano Bitcoin, potrebbe diventare un'alternativa più stabile e affidabile rispetto alle valute tradizionali.

Ma, attenzione, bisogna sempre avere presente che investire in criptovalute può offrire opportunità di guadagno, ma comporta anche diversi rischi. 

Ecco alcuni dei principali rischi da considerare:

Volatilità estrema: Le criptovalute sono notoriamente volatili, con fluttuazioni di prezzo significative che possono verificarsi in brevi periodi di tempo. Questa volatilità può portare a guadagni rapidi, ma anche a perdite considerevoli.

Regolamentazione: Il settore delle criptovalute è ancora relativamente nuovo e in rapida evoluzione dal punto di vista normativo. Cambiamenti nelle leggi e nei regolamenti possono avere un impatto significativo sulle criptovalute e sulle loro valutazioni di mercato.

Sicurezza: Le criptovalute sono vulnerabili a furti, hacking e frodi. Gli exchange di criptovalute, i portafogli digitali e le piattaforme di trading possono essere soggetti a violazioni della sicurezza, mettendo a rischio i fondi degli investitori.

Manca di regolamentazione: Poiché le criptovalute sono decentralizzate e non controllate da una autorità centrale, gli investitori possono non avere le stesse protezioni e garanzie che avrebbero con investimenti tradizionali, come ad esempio i depositi assicurati delle banche.

Scarsa liquidità: Alcune criptovalute meno conosciute possono avere una bassa liquidità sul mercato, il che significa che può essere difficile acquistare o vendere grandi quantità senza influenzare significativamente il prezzo.

Rischio di perdita totale: Investire in criptovalute comporta il rischio di perdere l'intero capitale investito. Le criptovalute sono attivamente negoziate su mercati pubblici, il che significa che i prezzi possono variare drasticamente e non c'è alcuna garanzia di recupero delle perdite.

È importante che gli investitori comprendano appieno i rischi associati alle criptovalute e che agiscano in modo responsabile, facendo ricerche adeguate e investendo solo ciò che possono permettersi di perdere. Diversificare il portafoglio e adottare una strategia di gestione del rischio possono aiutare a mitigare alcuni dei rischi associati agli investimenti in criptovalute.

L’ombra di Satoshi, i cui tratti distintivi sono avvolti nel mistero e sfumano in una stanza buia nel cuore di una città moderna, tra grattacieli illuminati e strade pululanti di persone, rimane avvolta in una nebbia di segreti digitali ma è innegabile riconoscergli il genio virtuoso e creativo di un cripto visionario che ha rivoluzionato il modo di intendere lo scambio economico basato su di una moneta fisica, affidandosi al mondo digitalizzato del virtuale che rappresenta il nostro futuro. La sua figura, ne siamo certi,  rimarrà incisa nella storia, come un simbolo di speranza e libertà, una leggenda vivente di continua ispirazione per le generazioni future, le cryptogeneration.

BITCOIN PARTE PRIMA
BITCOIN PARTE SECONDA
BITCOIN PARTE TERZA
BITCOIN PARTE QUARTA

ASCOLTA LE ALTRE NOTIZIE

L’AUTO ELETTRICA BY APPLE HA SBATTUTO
Ecco perché l’azienda di Cupertino ha accantonato questo ambizioso progetto.

 

ASCOLTA L'ARTICOLO

00:00 / 02:52

I colossi Samsung ed Apple si sfidano
S24 CONTRO VISION PRO
L’Intelligenza Artificiale ed il Multiverso sono il terreno sui cui si confronteranno i due colossi tecnologici. Vediamo di che cosa si tratta

 

ASCOLTA L'ARTICOLO

 

 


 

00:00 / 06:53
galaxy-s24-ultra-highlights-color-titanium-gray-back-mo.jpg
Apple-Vision-Pro-availability-hero_big.jpg.large_2x.jpg

OPTIMUS, IL ROBOT DI TESLA SOSTITUIRA’ L’UOMO

Elon Musk ha appena lanciato il nuovo robot Optimus Gen 2. Entro 5 anni diventerà un collega di lavoro dell’uomo. Vi spieghiamo che cosa è in grado di fare.

ASCOLTA L'ARTICOLO

00:00 / 01:43

DRONI ED A.I. UN BINOMIO INQUIETANTE

L'avvento dei droni abilitati all'intelligenza artificiale rappresenta una vera rivoluzione in campo militare. Il caso Ucraina ed i rischi nell’utilizzo di tale tecnologia innovativa.

ASCOLTA L'ARTICOLO


 

00:00 / 01:49

LE UNIVERSITA’ SBARCANO NEL METAVERSO
Viene dal Canada il primo Campus virtuale, colmando distanze e creando opportunità illimitate per il futuro.

Le aule, i professori, gli studenti, tutti uniti nel Metaverso, in quello che si annuncia come il nuovo modo di studiare senza confini.
L’Università canadese Northlands ha lanciato il Northlands College Metaverse Campus, diventando uno delle prime istituzioni universitarie a stabilire una presenza completa nel Metaverso. Questo risultato preannuncia una nuova era di strumenti di apprendimento trasformativi mentre continuiano ad ampliare i confini dell’istruzione e dell’integrazione della tecnologia nel Saskatchewan settentrionale. Come dichiarato in una nota del gruppo, L’obiettivo principale del Northlands College Metaverse Campus è quello di “contribuire a colmare le grandi distanze, riunendo studenti, docenti e personale per accedere all'istruzione ed ai servizi”.
Karsten Henriksen, Presidente e CEO dell’Università  Northlands ha riconosciuto l'importanza di questi sviluppi epocali, dichiarando che “Il lancio del nostro campus nel Metaverso non è solo una pietra miliare per il Northlands College, ma anche un’opportunità per i membri delle nostre comunità di apprendere, crescere ed eccellere in un’area dell’Industria 4.0. Queste iniziative rappresentano il nostro costante impegno nel fornire ad educatori e studenti le risorse, il supporto e le piattaforme innovative necessarie per prosperare in un panorama del Nord digitale in continua evoluzione. Non stiamo semplicemente aprendo le porte; stiamo creando possibilità illimitate per il futuro del Nord”.
Con il crescente interesse per la formazione professionale unito alla crescita e alla diversificazione dell’economia, le competenze digitali sono essenziali per accedere a nuove opportunità di lavoro. Il nuovo campus Metaverse del College non solo aiuta a sviluppare tali competenze, ma supporta anche esperienze di apprendimento migliorate nelle aule virtuali del campus Metaverse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA NUOVA FRONTIERA DEL MATRIMONIO

DESTINAZIONE MATRIVERSO

Aumentano il numero dei matrimoni virtuali nel Metaverso. Come funzionano, che cosa occorre sapere, la posizione del legislatore, la visione della Chiesa e quale saranno le tendenze future.

Sarà la novità, sarà la voglia di misurarsi su qualcosa di diverso oppure sarà la crisi economica che attanaglia le famiglie ma sempre di più si sta sviluppando l’interesse verso un tipo di unione digitale che potrebbe diventare la nuova frontiera dei matrimoni. Stiamo parlando del Matriverso, ovvero dei matrimoni virtuali all'interno del Metaverso, che consentono alle coppie di scambiarsi i voti in un ambiente digitale completamente immersivo. In un matrimonio Metaverso, la coppia crea avatar digitali che rappresentano se stessi, la cerimonia si svolge in un mondo virtuale che può essere personalizzato per adattarsi alle proprie esigenze e possono essere molto più convenienti rispetto ai matrimoni tradizionali. Sposarsi nel Metaverso include la scelta di una piattaforma, la creazione di avatar, la progettazione del luogo, l'invito di ospiti e la selezione di un officiante virtuale.

Ma, andiamo con ordine.

Secondo i dati Istat, i matrimoni in Italia, dopo il boom registrato nel 1963, con 420 mila riti, ha segnato un calo progressivo e costante, culminato nel 2020, causa pandemia, con sole 97 mila matrimoni, ripresosi nel 2021, con oltre 180 mila eventi per poi assestarsi negli anni successivi con modesti incrementi. Il fattore trainante è rappresentato dal rito civile, mentre i matrimoni religiosi incidono solo per circa il 29% del totale. 

Adesso si sta sviluppando un nuovo modo di condividere un giorno speciale con la persona speciale, la famiglia e gli amici, in un luogo speciale, come il Metaverso, per una esperienza unica, coinvolgente ed indimenticabile. Si tratta di un matrimonio flessibile e fuori dagli schemi, un ambiente su misura, accessibile ad ogni latitudine e che celebra l’amore in un mondo e modo nuovo, sul web. 

Occorre una buona connessione internet, un computer oppure uno smartphone performante, un visore, un officiante virtuale, possibilmente un organizzatore di eventi nel Metaverso ed il gioco è fatto. Esistono in rete diverse piattaforme, come Decentraland, che permettono l’accessibilità a questo tipo di servizio.

Come per ogni matrimonio che si rispetti, per creare un evento degno di un giorno memorabile, occuparsi degli avatar partecipanti, scegliere location e quanto altro, occorre una attenta programmazione perché tutto fili liscio ed ecco farsi strada una nuova professione, il ‘Matriverso wedding Planner’, ovvero una persona incaricata all’organizzazione, che si occupi di tutto e, soprattutto risolva eventuali problemi tecnici che si possano materializzare nei confronti degli ospiti alle prese con i collegamenti. Inoltre il team incaricato si occuperà dell’invio degli inviti digitali per la cerimonia con incluse le istruzioni per l’uso, tenendo anche conto dei fusi orari in caso di ospiti internazionali provenienti da vari continenti.

Ma, parliamo di costi. Un Matriverso può variare da una spesa minima di 500 euro, con la scelta di opzioni minimal per le decorazioni e gli avatar, fino ad arrivare anche a 50 mila euro, quando si scelga una festa elegante, con animazioni, catering, musica con Dj, tutto chiaramente all virtual.

Il primo matrimonio in assoluto si è svolto un pò di tempo fa a Singapore tra il signore e la signora Chan, due persone che si erano incontrare nella vita reale ed hanno poi coronato il loro amore sul web. In questo caso, essendo ambedue residenti nella città asiatica, che riconosce la validità di tali unioni, il matrimonio è stato trascritto ed ha avuto il riconoscimento legale. Infatti, tale cerimonia, non ha ancora l’ufficialità certificata legalmente nella maggioranza dei paesi, compresa l’Italia. Può essere paragonata ad una promessa di matrimonio ma senza nessun vincolo successivo a contrarlo e quindi senza valore di legge. La Chiesa cattolica, invece, sempre molto attenta alla dottrina sociale, pur non esprimendosi ufficialmente in materia, già dai tempi di Papa Giovanni II, nella enciclica “Sollicitudo rei socialis” parlava che, seppur nei dettami offerti dal vangelo, la Chiesa è aperta all’evoluzione della società e, senza snaturarsi, si apre alle “cose nuove” suggerite dal fluire degli avvenimenti in cui si muove la vita degli uomini e delle società. Un’apertura visionaria su quello che potrebbe offrire il futuro dove, non ci stanchiamo mai di sottolinearlo, il solo limite è dato dalla nostra immaginazione.

NASCE IL METAVERSO DI SEUL
Complice l’alta tecnologia e gli investimenti promossi dal governo, la Corea del Sud si prepara a diventare il primo paese presente nella realtà virtuale

Prima c’era il maestro Franco Battiato che in una sua famosa canzone ci parlava de “l’era del cinghiale bianco”, adesso, invece, ci stiamo avviando verso l’era del Metaverso. I tempi cambiano ed anche le prospettive.
Lo sviluppo dell’innovazione tecnologica è da sempre il cavallo di battaglia della Corea del Sud, basti pensare ai colossi Samsung ed Lg ma oggi lo è ancora di più dopo le parole del presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol che afferma che la tecnologia è una priorità nazionale ed il conseguente annuncio fatto dal governo di un investimento di ben 170 milioni di dollari nel cosiddetto mondo Metaverso, e cioè nella realtà virtuale e nelle sue tecnologie digitali.
I fondi stanziati permetteranno al paese di far parte delle prime nazioni negli sviluppi di questo mondo entro il 2026.  La Corea del Sud, insomma, è destinata a diventare una potenza del Metaverso.
Come sappiamo Il Metaverso si riferisce a una rete di mondi virtuali 3D, in genere accessibili tramite visori e avatar di realtà virtuale, come parte di un Internet decentralizzato o Web 3.0, costruito attorno a blockchain, la tecnologia alla base delle criptovalute.
An Dong-wook, presidente e amministratore delegato della società di intelligenza artificiale e Metaverso della Corea del Sud, Miso Information Technology,  in una intervista a Forkast, ritiene che internet abbia “aiutato gli esseri umani a superare i limiti di tempo e spazio, ma non è efficace in situazioni che richiedono comunicazione di persona o interazioni emotive. Ecco perché il Metaverso si sta sforzando di produrre la replica di un ambiente di vita reale”.
Egli ritiene che la Corea del Sud abbia il potenziale per guidare l'era del Metaverso, alimentata dalla popolarità globale dei contenuti culturali del paese, come il K-pop, aggiungendo che i locali si adattano rapidamente alle nuove tecnologie.
E proprio grazie all’input dato dal governo, molte aziende sudcoreane e le amministrazioni locali stanno investendo massicciamente in progetti riguardanti il mondo del Metaverso.
La capitale Seul sta costruendo la sua replica virtuale in un progetto per fornire ai cittadini servizi civili digitali.
La provincia orientale di Gyeongbuk si è auto proclamata "capitale del Metaverso" della Corea del Sud, annunciando un'iniziativa quinquennale per investire 13,8 milioni di dollari in tale settore.
Il gigante sudcoreano di Internet Naver ha creato Zepeto, una piattaforma Metaverso tra le più grandi in Asia come numero di aderenti. L'unità operativa di Naver che si occupa di questo mondo virtuale, si è unita alla blockchain di Solana per sviluppare una nuova piattaforma ZepetoX, che dovrebbe consentire agli utenti di monetizzare le proprie attività con entrate in criptovaluta.
Anche le istituzioni finanziarie e le banche della quarta maggiore economia asiatica sono entrate nel Metaverso.
Shinhan Financial Group, KB Kookmin Bank e NH Nonghyup Bank, hanno lanciato filiali o proprie piattaforme virtuali per attirare gli esperti di tecnologia verso i loro prodotti finanziari.
Il Ministero della Scienza della Corea del Sud definisce il Metaverso come uno spazio in cui la realtà virtuale e quella fisica convergono affinché persone o oggetti possano interagire e creare valore economico, sociale e culturale. Le autorità hanno persino affermato che non regoleranno le piattaforme del Metaverso secondo le leggi esistenti per gli sviluppatori di giochi e questo avviene mentre il settore dei videogiochi della Corea del Sud rimane vincolato a regole rigide, per di più obsolete ed ingiuste. Infatti i videogiochi sono generalmente visti in quel paese come la nemesi di scolari e adolescenti, in quanto la pressione per ottenere voti più alti e nelle migliori università è particolarmente intensa. Solo quest'anno la Corea del Sud ha abolito la cosiddetta Shutdown Law, che era in vigore da 10 anni e vietava ai giocatori di età inferiore ai 16 anni di giocare online tra mezzanotte e le sei del mattino.
Insomma,  Il Metaverso è visto come una potenziale nuova piattaforma per vari settori come i giochi, l'intrattenimento, i social media, l'e-commerce e l’istruzione. Questo tipo di tecnologie possono anche favorire l'obiettivo della Corea del Sud di creare un nuovo hub culturale globale promuovendo e consentendo l'esportazione di contenuti sudcoreani come giochi, musica e intrattenimento, al pubblico globale. Un investimento proiettato verso il futuro, favorito soprattutto dalla presenza di tantissimi giovani cittadini abituati a convivere con l’innovazione tecnologica. 

woman_metaverse.jpg

IL METAVERSO TRA PRESENTE E FUTURO
Intervista a Massimo Canducci, Chief Innovation Officer di Engineering

Clicca per leggere

-VMClGDc_400x400.jpg
bottom of page