L'Intervista 

GIULIANO PANICUCCI è agente generale Axa assicurazioni dal 2005. Sposato con Donatella e padre di Lorenzo ed Elisa, attualmente gestisce l'agenzia Axa assicurazioni di Pisa insieme al socio Andrea Costanzo.
Nel 1962 il padre, Umberto Panicucci, inizia a fare l'assicuratore in Pisa....riscontrando un buon successo e con il passare degli anni, e più precisamente nel 1980, apre una succursale nel paesino di residenza, Santa Maria a Monte, Pisa, continuando a crescere ed a lavorare con impegno; nel 1984 entra in società Costanzo Paolo (zio dell'attuale altro socio Andrea).
Nel 1995 Giuliano inizia ad affacciarsi nel mondo assicurativo, mentre ancora studiava, facendo esperienze importanti sia formative che lavorative. in particolare conseguendo un Master in "Assicurazioni Commercial Line" presso il Politecnico di Milano nel 2016.
Nel 2005 riceveva il mandato di Agente generale da parte della compagnia e subentrava ufficialmente al posto del padre che si era guadagnato la meritata pensione.
Adesso Giuliano ed Andrea si stanno ulteriormente espandendo. Infatti hanno aperto un ufficio sulla costa toscana, a Marina di Pisa e un'ulteriore sede con un mandato diverso, Itas Mutua, a Montecatini terme, in provincia di Pistoia.

panicucci foto4.png

IL MERCATO ASSICURATIVO E' IN CRESCITA

Intervista a Giuliano Panicucci sul mercato finanziario. i giovani ed il loro futuro previdenziale e sull'importanza delle polizze in campo sanitario.

Come sta procedendo il mercato assicurativo dopo la fase pandemica?
“Finalmente, dopo due anni di recessione, dovuti principalmente alla diffusione del Covid-19 che ha trovato tutti impreparati, possiamo affermare che il mercato assicurativo è in lenta e costante crescita. Siamo ottimisti per il futuro e prevediamo un ulteriore incremento nel 2023.”

 

Quale è il prodotto assicurativo più venduto?
“Il prodotto assicurativo per ... "definizione"... a cui da sempre sono associate le compagnie assicurative è  certamente la r.c.a. obbligatoria, cioè la polizza auto. Parlando più in generale dei prodotti assicurativi non obbligatori, abbiamo assistito ad una evoluzione e sicuramente l'assicurazione legata al comparto delle abitazioni è il prodotto ad oggi più venduto.”

 

Voi vi occupate anche di investimenti, come è cambiata in questi anni la percezione degli investitori e quali sono le prospettive future?
“Il mercato finanziario si è sempre più orientato sulla vendita di prodotti con componenti Unit Linked. Se dovessi ipotizzare lo sviluppo del mercato finanziario nei prossimi anni, vedo possibile un ritorno alla vendita delle Gestioni Separate con la garanzia del capitale investito.”

I giovani oggi rischiano di non poter maturare la pensione perché non in grado di raggiungere i contributi minimi. Quale alternative consigli per avere una pensione integrativa?
“I giovani devono iniziare il prima possibile ad integrare quel poco che riceveranno come pensione pubblica sfruttando le possibilità offerte dal mercato assicurativo: come prima opzione consiglierei loro di orientarsi verso un Pac, e cioè un Piano di Accumulo di Capitale in fondi di investimento, con possibilità di guadagni  (o perdite) nel lungo periodo; c’è poi anche una seconda opzione percorribile e cioè sottoscrivere un Pip, un Piano di Investimento Pensionistico in fondi obbligazionari, con rendimenti sicuramente minori ma con bassa volatilità e conseguentemente basso rischio, sfruttando le incentivazioni fiscali che lo Stato concede. Infatti lo Stato, proprio per venire incontro alle esigenze dei lavoratori, avendo la consapevolezza che le pensioni di domani non potranno coprire completamente il fabbisogno dell’individuo ha legiferato in materia, prevedendo incentivi fiscali rivolte proprio verso queste forme di pensione volontaria integrativa.”

La sanità pubblica non sempre è in grado di far fronte alle necessità di una famiglia. Quali consigli per un’assicurazione privata in tale campo.
“ La sanità pubblica, prima a causa dei tagli praticati al settore per il forte disavanzo e poi in seguito alla diffusione della pandemia da Covid che ha messo in ginocchio l’intero comparto sanitario e trascurato le esigenze quotidiane della popolazione in termini di cura non emergenziale, non riesce più a garantire le cure degli italiani, sia nei tempi che nell’erogazione delle prestazioni. Basta leggere che cosa sta accadendo anche in questi ultimi periodi solamente ai Pronto Soccorsi degli ospedali sempre più al collasso. In una simile situazione, con una sanità pubblica stessa sempre più orientata verso il privato, è fortemente consigliato di procedere con la sottoscrizione di una polizza sanitaria, rimborso spese di cura sia da infortunio che da malattia. Gli agenti assicurativi sono a disposizione, con le loro competenze, per proporre il piano più attinente alle esigenze di ogni individuo o famiglia.”

Come ultima domanda, quali sono i  progetti futuri di Giuliano Panicucci.
“Il mio futuro e quello del mio socio Andrea Costanzo, sono ormai indirizzati nel continuare a fornire la consulenza in questo campo a tutti i nostri clienti, che ringraziamo per la fiducia che ripongono in noi e nella nostra agenzia operativa dal 1962, ed a quelli futuri che cercheremo e speriamo di acquisire nel tempo, cercando, ove possibile, di migliorare i servizi proposti, rimanendo al passo con quanto il futuro ci riserverà.”

 

panicucci foto3.jpg

Giuliano Panicucci con il socio Andrea Costanzo

LEGGI LE ALTRE INTERVISTE

IL FUTURO DELL’UNIVERSITA’ (E DEL CALCIO) E’ ON DEMAND

Intervista al Prof. Avv. Francesco Fimmano’.            Clicca

IL METAVERSO TRA PRESENTE E FUTURO
Intervista a Massimo Canducci.

Clicca

Vannino Chiti: "Sono d'accordo con  Spini sulla Costituente di sinistra ma, sull'argomento, nel Pd vedo ancora tanta nebbia" e su Di Maio dice: "legittimo cambiare posizione ma doveroso dimettersi." 
Clicca 

Valdo Spini: “Il Pd dovrebbe convocare una  grande costituente dei  democratici  e dei socialisti che  proponga una sintesi tra riformismo nelle istituzioni e presa di coscienza della società civile.”Clicca

Riccardo Nencini: “La costituente della sinistra riformista italiana proposta da Valdo Spini? Perché no, magari a settembre." Clicca